Mozzarella di bufala
La mozzarella di bufala è un prodotto caseario italiano, prodotto tradizionalmente in Campania ma attualmente diffuso in altre regioni del sud Italia. Il termine mozzarella deriva dal nome dell'operazione di mozzatura compiuta per separare dall'impasto i singoli pezzi. È spesso definita regina della cucina mediterranea, ma anche oro bianco o perla della tavola, in ossequio alle pregiate qualità alimentari e gustative del prodotto. La mozzarella di bufala è originaria di Aversa, prima contea-città normanna in Italia, dove tutt' oggi sono attivi numerosi caseifici, dove si produce e si vende la tipica Mozzarella Aversana. Il primo documento ufficiale che parla della mozzarella aversana risale agli inizi del XV secolo. Secondo alcune fonti storiche, già nel XI secolo i monaci dell'Abbazia di San Lorenzo ad Septimum, alle porte di Aversa, che attualmente ospita la facoltà di architettura, offrivano una "mozza" con un pezzo di pane ai componenti del Capitolo che ogni anno si recavano in processione. Alcune ipotesi sulla nascita della Mozzarella indicano i Normanni come suoi inventori; secondo altre furono gli Angioini. Pochi dubbi esistono sul luogo di origine: appunto, la città di Aversa. La famiglia Serra di Aversa (CE) è nota come fondatrice della tradizione campana del XX secolo. Dagli anni Novanta il riconoscimento della "DOP" (Denominazione di Origine Protetta) assicura i consumatori e specifica l'area geografica in cui essa viene prodotta. Ancora oggi le mozzarelle di grande pezzatura vengono definite mozzarellone aversane come riporta anche la denominazione data dal CNR.

torna alla pagina della  mozzarella