.
Storia e arte
Torino che fu una colonia romana, acquistò importanza a partire dal XIII secolo, quando si affermò il potere dei Savoia, i quali nel XVI secolo la elevarono a capitale del loro stato. Da allora ebbe inizio la trasformazione della città completata ne secoli XVII e XVIII, per cui essa assume quel carattere ia. urbanistico, fra italiano e francese, severo e gentile insieme.
L'apice dell' importanza Torino lo raggiunse nel secolo scorso, quando divenne il centro politico e morale del Risorgimento ed ebbe il privilegio di essere, tra il 1861 e il 1865 capitale d'Italia.

Manifestazioni
La più importante è il Salone dell'Automobile, Biennale (Aprile-Maggio) in alternativa con il Salone del Veicolo Industriale.
Carattere popolare ha la festa di S. Giovanni, patrono della città (24 giugno).

 

 

Acquisti

Torino contende a Firenze il titolo di capitale italiana dell'abbigliamento, nei negozi del centro si possono fare buoni acquisti di confezioni e articoli di moda
.

Gastronomia

La cucina torinese comprende il meglio della cucina piemontese. Specialità tipiche sono i grissini, gli agnolotti (ravioli con ripieno di carne e di cavoli), il bollito misto,la fonduta con i tartufi, la bagno caoda (cardi e verdure crude in tingolo) il fritto misto alla piemontese (fegato,frattaglie,semolino dolce,ecc.) ,le costolette di sanato (vitello allevato con il latte) .L'ottima pasticceria torinese è a base di panna "chantilly"e creme al liquore;ricercati i cioccolatini (i gianduiotti), le caramelle e i marrons glacès.

Caratteristiche e vita


Il turista in visita a Torino avverte subito di trovarsi in un ambiente urbano alquanto diverso da quello delle altre città. Ciò è dovuto a quel tono dignitoso e signorile che l'ordinato impianto urbanistico conferisce alla città.
Nel campo culturale, Torino gode di prestigio per le materie scientifiche e gli studi tecnici e vanta una Università, vari istituti di cultura e primarie case editrici, uno dei principali quotidiani di Italia (la Stampa).
Torino è uno dei vertici del cosiddetto triangolo industriale d'Italia e la capitale dell'automobilismo. La presenza di un organismo colossale come la Fiat condiziona, si può dire, tutta l'economia della città. La quale si avvale di altre attività industriali:la tessile e dell'abbigliamento, quella della gomma, le chimiche, le alimentari, l'elettromeccanica e l'elettronica, la meccanica fine, quella della carta e della stampa.